Virgilio

Torna alla ricerca

01/09/2014 22:33
Riparte la Serie A. Dopo la prima giornata sugli scudi Juventus, Roma, Napoli e Milan - InfoOggi.it

Finito il lungo digiuno post mondiale dovuto alla deludente esperienza carioca della spedizione 'prandelliana', per la gioia di tutti i calciofili si riparte anche in Italia con la prima giornata dei campionati professionistici nazionali. Ma per la Serie A, che dopo appena 90 minuti di gioco vede primeggiare le solite note, adesso è già tempo della prima sosta stagionale per gli impegni degli 'Azzurri' sotto la guida del neo c.t. Antonio Conte. CHIEVO-JUVENTUS 0-1 7' pt autorete Biraghi (C) Nel match inaugurale del Bentegodi di sabato pomeriggio, alla Juventus di Max Allegri basta un'autorete di Biraghi, su luciferino colpo di testa di Caceres, per superare di misura il Chievo Verona. Per i campioni d'Italia in carica la nota positiva di una gara dominata sul piano tecnico ed atletico, è l'esordio del nuovo enfant prodige a parametro zero targato Marotta. Forse un po' azzardato il paragone con il connazionale Paul Pogba, ma la fiducia riposta in lui dai dirigenti bianconeri non è di certo immeritata. In un pomeriggio di fine agosto il diciottenne francese incanta il pubblico veneto in attesa di conquistare ben altri prosceni. ROMA-FIORENTINA 2-0 28' pt Nainggolan (R), 47' st Gervinho (R) Non fatica ad arrivare la risposta capitolina ai torinesi. Per i giallorossi più che positivo l'esordio di Manolas, Astorie ed Iturbe. Sempre più insostituibili Gervinho, Pjanic e Nainggolan. All'Olimpico, gli uomini di Garcia battono la Fiorentina grazie a un gol di potenza nel primo tempo e fissano il risultato finale nei minuti di recupero grazie al solito Gervinho. A dire di no alla squadra di Montella che a metà gara prova a ristabilire gli equilibri, ci pensa un perfetto De Sanctis che nella ripresa salva più volte la Roma con interventi da grande portiere. ATALANTA-VERONA 0-0 Allo stadio Atleti Azzurri d'Italia inizia a reti inviolate il campionato di Atalanta e Verona. Nel primo tempo in evidenza il portiere dei neroazzurri Sportiello che, con due interventi strepitosi su Jankovic prima e su Toni poi, nega il vantaggio agli ospiti. Nella ripresa Juanito Gomez, servito da Toni, spreca la più ghiotta delle palle gol calciando debolmente sull'estremo difensore bergamasco. MILAN-LAZIO 3-1 7' pt Honda (M), 11' st Muntari (M), 19' st Menez (M), 22' st autorete Alex (M) Sorride la milano rossonera grazie al nettissimo 3-1 con il quale gli uomini di Inzaghi strapazzano la Lazio. Il campionato del Milan comincia dunque con un successo convincente. Honda, servito dal ritrovato El Shaarawy, sblocca l'incontro al settimo. Nella ripresa arriva poi il raddoppio di Muntari ed il tris su rigore ad opera di Menez. I biancocelesti pervengono al gol della bandiera soltanto grazie ad un autogol di Alex ed a tempo ampiamente scaduto riescono persino a farsi respingere su rigore il tentativo di trasformazione di Candreva. Laziali decisamente rimandati a settembre. CESENA-PARMA 1-0 38' pt Rodriguez (C) La squadra di Bisoli si presenta al suo ritorno in Serie A senza timori reverenziali, battendo al Manuzzi per 1-0 il Parma guidato da Donadoni. Opaca la prestazione dei ducali che, privi del non convocato Antonio Cassano, riescono ad andare vicino al gol del pareggio soltanto nel finale tramite Lucarelli. Bravissimo nell'occasione Leali ad apporsi all'attaccante gialloblù salvando risultato, incontro e storico primato in classifica generale. GENOA-NAPOLI 1-2 3' pt Callejon (N), 40' pt Pinilla (G), 49' st De Guzman (N) Match ad alto tasso di emozioni quello di Marassi tra Genoa e Napoli. Grazie ad una rete di De Guzman al quinto minuto di recupero, i partenopei battono per 2-1 il Genoa e conquistano i primi tre punti stagionali. Al 3' arriva vantaggio azzurro con Callejon. I rossoblù, dopo l'iniziale smarrimento, prendono poi coraggio e costringono il Napoli a riculare in difesa. Nonostante Rafael compia più miracoli di San Gennaro sugli affondi di Pinilla, il cileno al 40' riesce comunque a mettere a segno la rete che vale il momentaneo pareggio dei padroni di casa. Nella ripresa il Napoli si presenta più concentrato dei grifoni e negli ultimi minuti riesce a creare diverse occasioni da rete con Mertens e Higuain che di fatto preparano il colpaccio finale di De Guzman. PALERMO-SAMPDORIA 1-1 7' pt Dybala (P), 46' st Gastaldello (S) Si chiude con pareggio che premia i blucerchiati (rimasti in dieci uomini per tutto ilsecondo tempo) la gara tra Palermo e Sampdoria. La squadra siciliana agguanta il vantaggio dopo soli sette minuti di gioco grazie ad una gran rete di Dybala, servito splendidamente da Barreto. Quasi incredibile il pareggio ottenuto sugli sviluppi di un calcio d'angolo dagli uomini di Mijalovic, oramai in piena zona Cesarini, grazie all'inesauribile Gastaldello. SASSUOLO-CAGLIARI 1-1 42' pt Zaza (S), 44' pt Sau (C) Al Mapei Stadium chi si aspettava una partita effervescente tra Sassuolo e Cagliari è stato di certo doverosamente accontentato. Le due compagini hanno dato spettacolo, con gli emiliani schierati meglio sul campo e maggiormente polemici per alcune decisioni arbitrali. Un punto a testa per i ragazzi di Di Francesco e Zeman, con i neroverdi avanti per primi al 42' con una gran conclusione di sinistro di Zaza, che trafigge la rete sarda e festeggia degnamente la chiamata in Nazionale. Dopo appena due minuti i padroni di casa vengono tuttavia raggiunti dal destro di Sau a pochi passi dalla rete emiliana. Ripresa un po' sottotono forse a causa della paura di concedere troppi spazi alle manovre avversarie. TORINO-INTER 0-0 Al di là del risultato finale, un apatico 0-0 che non lasciarebbe già spazio a dubbi, Torino-Inter verrà ricordata come la partita delle recriminazioni nerazzurre dovute all'arbitraggio del signor Doveri - a detta della panchina interista - sempre ed unicamente a senso unico in favore degli amaranto. Dalla squadra di Mazzarri, dopo una stagione di rodaggio, i tifosi si aspettano sicuramente di più delle pochissime emozioni vissute sotto la Mole in questa prima giornata. Per un risultato che al novantesimo appare più che giusto, visto anche il primo tempo di gioco praticamente inguardabile. Solo noia e delusioni, tutto da rifare. UDINESE-EMPOLI 2-0 12' st e 17' st Di Natale(U) Allo stadio Friuli inizia sotto i migliori auspici l'avventura di Andrea Stramaccioni dopo la formativa parentesi sulla panchina milanese sotto il presidente Massimo Moratti. L'Udinese vince 2-0 contro l'Empoli grazie, soprattutto, alla prestazione messa in campo nel secondo tempo. Dopo un primo tempo controllato dalla compagine toscana, i padroni di casa risolvono infatti l'incontro nella ripresa con una doppietta del solito e sempiterno Totò Di Natale. Luciano G. Calì
link articolo